sabato 4 aprile 2015

Mia Madre - Poesia di Mariano Ciarletta

Mia Madre


Ella siede composta e  con i suoi occhi scuri ,
fuori dalla finestra il paesaggio ammira assorta.
Il suo respiro è lento e silenzioso
e ogni tanto il suo viso si contrae con fare pensieroso.

Improvvisamente cauta si alza
e nel buio del mattino vaga di stanza in stanza.
Controlla che i suoi figli dormano ancora
perché  questo pensiero dolcemente la rincora.

Nel giorno tra mille faccende si perde
finché la notte lentamente scende.
A volte, stanca, cede all’ ira
ma presto torna colma d’ allegria.

E io che ormai son cresciuto
 al dolce suon dei suoi passi ancora mi commuovo.
Adoro alle spalle abbracciarla,

perché lei è la mia adorata mamma.


Mariano Ciarletta - ©

Edita da Plectica Editrice.

Raccolta: La foresta delle rose scarlatte.

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali

Biografia autore.

Mariano Ciarletta è un giovane scrittore e poeta campano. Dal 2014 al 2016 pubblica tre racconti noir incentrati sul tema della possessione demoniaca (rami nel buio, ai bordi dell'abisso e the necklace). Parallelamente alla narrativa, Ciarletta coltiva anche la passione per il genere poetico pubblicando la foresta delle rose scarlatte (Plectica), tra miti e silenzi (Aracne editrice), Iridi (paguro edizioni) e come radice, anno 2017, (paguro edizioni). La poesia porta Ciarletta a classificarsi in svariati premi letterari come il premio Carmine Manzi (Accademia di Paestum), il premio siciliano Parnaso, Angelo la Vecchia, il premio campano Madonna dell'Arco, e il gran premio della poesia di Sestriere.